Bon Bozzolla

Poliambulatori del Quartier del Piave: sconcertante l’assenza della Regione Veneto

“L’altra sera ho partecipato a Pieve di Soligo alla riunione sui poliambulatori. All’incontro, organizzato dal gruppo di 35 consiglieri comunali […]

“L’altra sera ho partecipato a Pieve di Soligo alla riunione sui poliambulatori. All’incontro, organizzato dal gruppo di 35 consiglieri comunali di opposizione per salvare i servizi socio-sanitari del Quartier del Piave e della Vallata, erano purtroppo assenti alcuni interlocutori istituzionali che erano stati invitati: Luca Zaia, l’assessore regionale Coletto, gli otto sindaci interessati, il direttore generale dell’Ulss 7″. Così Laura Puppato, senatrice del Partito Democratico, che è intervenuta alla serata ribadendo il suo sostegno ad ogni iniziativa volta a tutelare la sanità territoriale da ogni tentativo di smantellamento. “È sconcertante che per usufruire di alcuni servizi sanitari, i cittadini di questa zona siano “incentivati”, anche attraverso le prenotazioni al CUP o aperture troppo limitate di alcuni ambulatori, a recarsi a Conegliano, Vittorio Veneto e Godega per una visita o un esame. E cosa accadrà quando scadrà il contratto di affitto presso il Bon Bozzolla di Soligo? Questo è un territorio che è stato tra i primi a smantellare gli ospedali e a scegliere la medicina territoriale. Quindi bisogna mantenere, sviluppare, razionalizzare e potenziare i servizi e i poliambulatori presenti ora e che servono un bacino di circa 42.000 abitanti, come previsto dal piano socio-sanitario approvato nel 2012. Chiederò che ci siano le risorse per poterlo fare, quindi gli 11 milioni di euro promessi da tempo. È evidente che le strutture devono essere facilmente accessibili, ma bisogna investire in sanità, non in parcheggi interrati o in operazioni urbanistiche funzionali ad altri scopi. La commissione istituita dall’Ulss 7 faccia il suo lavoro, ma i numeri che sono serviti per la redazione delle schede territoriali sono già noti. Quindi non si perda altro tempo inutilmente lanciando ancora la palla avanti”.

Lascia un commento