Casello

Nuovo casello A27, il governo si fermi

“Apprendiamo da notizie di stampa che la Presidenza del Consiglio dei Ministri avrebbe organizzato per domani un incontro per la […]

“Apprendiamo da notizie di stampa che la Presidenza del Consiglio dei Ministri avrebbe organizzato per domani un incontro per la realizzazione del nuovo casello sull’A27 nei pressi di Santa Lucia, al quale dovrebbero partecipare anche la Provincia di Treviso, la direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto, la Soprintendenza provinciale e quella del Veneto. Crediamo che sia quanto mai opportuno che il governo dimissionario, in carica solo per il disbrigo degli affari correnti, sospenda decisioni così importanti e così contestate sul territorio”. Lo dice la senatrice del Pd Laura Puppato.
“Com’è noto – prosegue Laura Puppato – il progetto del prolungamento dell’A27 da Pian di Vedoia a Pieve di Cadore è sotto inchiesta perché l’azienda Mantovani, addetta alla progettazione e alla consulenza, è accusata di aver utilizzato false fatture. Inoltre, la realizzazione del casello a Santa Lucia è contestata da numerosi enti locali, associazioni di categoria, comitati di cittadini, a causa del suo costo elevato, circa 15 milioni a carico solo della Provincia di Treviso e a fronte del suo rilevante impatto ambientale. L’opera verrebbe infatti costruita sul greto del Piave e a ridosso di un altro casello, in contrasto con tutti i proclami di prevenzione dal rischio idrogeologico. In questa situazione di crisi e di grave carenza di risorse finanziare, una decisione così impopolare appare assurda, se si pensa che il territorio è in attesa di realizzare un ponte sul Piave, nonché importanti strutture scolastiche. E’ dunque opportuno che il governo, in carica solo per la normale amministrazione – conclude la senatrice Puppato – eviti strappi e fughe in avanti e sospenda ogni decisione in materia”.

Lascia un commento