Interrogazione sulla “benzilpenicillina benzanitica”, un farmaco salvavita da somministrare a carico del Servizio sanitario regionale

Parte dal caso sollevato dai genitori di un bimbo di 5 anni affetto da una malattia che lo obbliga ad […]

Parte dal caso sollevato dai genitori di un bimbo di 5 anni affetto da una malattia che lo obbliga ad assumere ogni 21 giorni fino ai 19 anni un farmaco “salvavita”, l’interrogazione di Laura Puppato alla Giunta regionale. Si tratta della “benzilpenicillina benzatinica”, utilizzata per la cura malattie croniche, la profilassi della febbre reumatica e di malattie veneree, nelle recidive di infezioni delle prime vie respiratorie. Tale farmaco erao inserito nella fascia A del prontuario (a carico del servizio sanitario nazionale) e che costava 1,95€, ma da qualche mese si trova in commercio soltanto nella fascia C al prezzo di 24€, tutti a completo carico del cittadino. La responsabilità del costo attuale sarebbe della Biopharma, l’unica azienda che la produce. Sulla questione è intervenuta anche l’A.DI.CO (Associazione Difesa Consumatori), invitando i cittadini a scrivere all’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) e al ministero della Salute affinché il farmaco sia nuovamente messo in fascia A. Analoga richiesta è quella di Laura Puppato che nella sua interrogazione chiede all’Assessore regionale alla sanità che la “benzilpenicillina benzatinica” sia somministrata a totale carico del Servizio sanitario regionale, sulla scorta di quanto sta avvenendo da qualche settimana in Toscana grazie ad una delibera di Giunta dalla quale si evince che il farmaco dovrà essere erogato a totale carico della Regione e, considerata la sua specificità, nel caso in cui il sanitario ritenesse che le preparazioni dei medicinali disponibili in Italia non fossero adatte agli specifici trattamenti, le aziende sanitarie si dovranno attivare per l’importazione del medicinale ritenuto più idoneo.

Un commento

  1. Tamara Monticello scrive:

    Sonoa la mamma di un ragazzo di 14 anni che deve prendere la benzilpennicilina ogni 28 gg fino a 18 anni.
    Secondo le ultime disposizioni ho presentato l’impegnativa in farmacia per l’acquisto del farmaco, ma me l’hanno reso poichè non è stato accettata.
    Sapete dirmi come devo comportarmi per avere l’iniezione con esenzione essendo ritornato in classe a? GRAZIE per la Vs attenzione e buonagiornata

Lascia un commento