veneto-banca-fe-pp

Il lavoro fatto per ottenere aiuto da Banca Intesa

La lettera inviata a Banca Intesa da parte di noi parlamentari del PD

L’impegno di Banca Intesa a versare 100 milioni per i risparmiatori in maggiori difficoltà arriva dopo un lungo lavoro da parte mia e dei colleghi PD veneti. Qui pubblico una lettera inviata ai vertici di Banca Intesa il 4 settembre.

– — –

Gentile Dott. Caputo,

Vengo a Lei dopo i nostri colloqui e l’incontro di oggi, con la proficua presenza del dott. Barrese, per chiederLe di far pervenire la presente mail ai dirigenti dott. Messina, dott. Lucchini e dott. Barrese.

Sono innanzitutto a ringraziarLa assieme ai colleghi che hanno sottoscritto questa mail, per l’importante e incessante lavoro di collegamento con il Parlamento.

L’amministratore di Banca Intesa e l’intera struttura dirigenziale, infatti, hanno fin qui dimostrato notevole attenzione sia agli aspetti umani che a quelli professionali correlati all’acquisizione della gestione delle ex banche popolari venete.

Abbiamo riflettuto in questo periodo su quali modalità potrebbero risultare utili a migliorare l’approccio di banca Intesa in una realtà territoriale ferita in modo tanto pesante, talvolta veramente messa in ginocchio da un “fallimento” che ha azzerato gli investimenti e spesso i risparmi di decine e decine di migliaia di risparmiatori retail.

Crediamo di poter suggerire un intervento economico, da valutare nell’importo, ma che sia capace di affiancarsi fin da subito alle (scarne) risorse esistenti e a quelle che in un prossimo futuro potremo recuperare dagli NPL. Riteniamo infatti che la tempestività nella necessitata restituzione quantomeno alle figure obiettivamente già classificate “a rischio economico e/o sociale”, darebbe una straordinaria mano a far assumere alle popolazioni più colpite dalla vicenda, un diverso approccio verso la stessa Banca Intesa, contribuendo al ritorno della fiducia verso quegli stessi sportelli ex banca popolare di Vicenza o Veneto Banca e rappresentando in forma indiscutibile la forte volontà del Vostro Istituto a riallacciare i migliori rapporti, i più trasparenti e i più corretti con investitori, risparmiatori, aziende e cittadini.

Pensiamo che dopo tanto sforzo, questo ulteriore passo, godrebbe di un consenso dalle grandi ricadute positive anche verso il business da voi atteso dall’operazione, anticipando il momento del break even Point.
Ci permettiamo di farVi giungere questo nostro appello, dopo aver sostenuto l’operazione decisa dal Governo della cessione della gestione delle due banche a Banca Intesa in ogni modo e in un periodo tutt’altro che facile, nella convinzione che questa sia stata la migliore delle scelte possibili.

Ora a Voi la possibilità di migliorare questo approccio “sociale” e individuare il percorso più utile per far tornare ad una accettabile normalità una vasta e produttiva area veneta e non solo.
Certi della Vostra sensibilità e disponibilità a lavorare per rendere plausibile la migliore delle ipotesi possibili, restiamo in attesa di un positivo riscontro e Vi inviamo i più cordiali saluti.

Sen. Laura Puppato

Sen. Giorgio Santini

On. Federico Ginato

On. Simonetta Rubinato

On. Sara Moretto

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento