images-2

Veneto Banca, Prossimo cda inizi azione di responsabilità

Chi come me intende mantenere impegno a governare il delicato passaggio vuole responsabilità e garanzie per territorio

Il prossimo CDA di Veneto Banca deve iniziare l’azione di responsabilità contro gli ex-amministratori, il Governo sta mettendo in piedi molte iniziative per il sostegno al sistema bancario italiano, ma è necessario che le banche diano un segno chiaro e inequivocabile di cambio di rotta, per presentarsi in maniera credibile e non solo nuova, nel mercato.

Le perdite registrate ufficialmente a bilancio solo a partire dal 2012 mettono in luce anni di gestione incapace di reagire di fronte alle difficoltà e che ha continuato a fingere sicurezza mentre la casa da tempo bruciava, con danno enorme ad imprese e azionisti. Ora dobbiamo tutelare i risparmiatori differenziando tra coloro che hanno DOVUTO comprare le azioni e obbligazioni per poter accedere a fidi, mutui, etc e chi invece ha consapevolmente investito. Il Ministro Orlando mi ha intanto confermato che intende aumentare le risorse umane dei tribunali di Vicenza e Treviso per far fronte alla straordinaria numerosità delle pratiche di contenzioso aperte e per poter meglio indagare anche penalmente.

È fondamentale garantire che questa crisi non abbia ripercussioni sull’economia reale, impensabile vi possa essere un danno per chi ha già subito una beffa, cito il caso di imprese che si trovano in pancia azioni che hanno lo 0,1% del valore d’acquisto e che a seguito di questo enorme danno, si trovino scoperti di garanzie con la medesima banca, magari indisponibile a mantenere gli affidi esistenti. Chi, come me ha partecipato alla ricapitalizzazione mantenendo l’impegno a governare questo delicatissimo passaggio della banca anche come socio – oltreché come politico – vigilerà.

Tags: , , , ,

Lascia un commento