Eternit

Sentenza Eternit: dopo la giustizia per le vittime, ora anche quella per l’ambiente

“La sentenza nel processo d’appello contro la Eternit rappresenta un atto di giustizia nei confronti dei morti di una strage […]

“La sentenza nel processo d’appello contro la Eternit rappresenta un atto di giustizia nei confronti dei morti di una strage silenziosa, dei lavoratori dell’azienda e dei cittadini dei siti degli stabilimenti, in particolare Casale Monferrato”. A dirlo è Laura Puppato, senatrice del Partito Democratico, dopo la condanna a 18 anni di reclusione per disastro doloso dell’imprenditore elvetico Stephan Schmidheiny, imputato a Torino nel processo Eternit, e il riconoscimento dei risarcimenti alle parti civili che la multinazionale dell’amianto dovrà pagare. “Nessuna cifra potrà dare una giustizia piena alle vittime, ma questa sentenza è comunque storica, in quanto mette in evidenza la responsabilità sociale che deve possedere un’impresa nei confronti degli operai e del territorio. Ora queste risorse devono servire anche alle bonifiche. Non ci sono solo i Siti di Interesse Nazionale, ma anche quelli minori che sono oltre 34.000 in Italia con più di 32 milioni di tonnellate di amianto ancora presenti”.

Lascia un commento