Il mondo di nuovo sull’orlo del baratro nucleare?

Siamo di nuovo in guerra fredda? Oggi più che mai serve più Europa per essere attori della pace nel mondo

Mentre la campagna elettorale si infiamma oltre ogni misura ed accadono episodi di pura follia razzista come quello di Macerata, nel mondo prosegue senza ostacoli la costruzione del caos globale che tutti ci travolgerà.

Gli USA progettano bombe atomiche “mignon” in grado di colpire chirurgicamente obiettivi specifici ma con un limitato numero di vittime, allo scopo di nuocere al nemico ma senza innescare la fatidica rappresaglia da “fine di mondo”. La Russia invece disporrebbe di una bomba termonucleare subacquea dalla potenza devastante che, fatta esplodere nelle profondità marine, causerebbe onde di tsunami di portata catastrofica. Queste allettanti prospettive si inquadrano nel contesto di una rincorsa al riarmo nucleare che vede praticamente disattesi tutti gli accordi sul disarmo così faticosamente raggiunti nel passato. I piani di rinnovamento degli armamenti che gli alti comandi militari accarezzavano da tempo sono stati portati allo scoperto dai congiunti dispotismi di Donald Trump e Vladimir Putin.

Verrebbe da rimpiangere la guerra fredda, almeno allora si sapeva bene chi era contro chi, mentre oggi resta da capire quanti e quali siano, oltre al sinistro Kim Jong-un, i veri nemici. Dopo un paio di decenni di relativa distensione siamo nuovamente sull’orlo del baratro, Papa Francesco ci ha ammonito al riguardo pochi giorni fa, ma la nostra attenzione è tutta concentrata su flat-tax e reddito di cittadinanza, le questioni cruciali dalle quali sembra dipendere il nostro futuro. L’Italia e soprattutto l’Europa non possono perseverare nella contemplazione del proprio ombelico, devono intraprendere tutte le azioni di diplomazia e strategia politica necessarie al fine di far prevalere il principio della ragionevolezza rispetto a quello della prepotenza.

Altrimenti in questa folle gara a chi “ce l’ha più duro” soccomberemo tutti.

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento