Inquinamento

Elezioni. Laura Puppato: meno tasse a chi non inquina

“Ieri sera abbiamo assistito all’ennesimo show di Berlusconi che dopo aver governato per quasi dieci anni, ha affermato di non […]

“Ieri sera abbiamo assistito all’ennesimo show di Berlusconi che dopo aver governato per quasi dieci anni, ha affermato di non avere colpe della situazione economica in cui ha lasciato il Paese e ha promesso tagli di tasse generalizzati. Ancora una volta il Cavaliere cavalca il malcontento popolare e fa leva sul populismo nella speranza di strappare un pareggio al Senato. I cittadini e le imprese, pur stanchi di un fisco che si sta rivelando sempre più vessatorio e ingiusto, come ad esempio con l’introduzione della nuova tassa sui rifiuti, sono però abbastanza maturi per non cadere nel tranello. Inutile invocare un calo delle tasse senza indicare dove si reperiranno i fondi necessari a compensare il mancato gettito, meglio attuare un cambiamento radicale spostando la pressione fiscale dal lavoro e dalle persone ai comportamenti negativi, “penalizzando” chi inquina e spreca risorse e premiando chi attua comportamenti rispettosi dell’ambiente”.

Lascia un commento