TPL

TPL senza certezze: Giunta in ritardo e settore in sofferenza

Le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali del Trasporto Pubblico Locale chiamano in causa i ritardi della Giunta Zaia rispetto al finanziamento […]

Le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali del Trasporto Pubblico Locale chiamano in causa i ritardi della Giunta Zaia rispetto al finanziamento di un settore strategico. Gli impegni della Regione Veneto sono stati traditi, a cominciare da un assestamento di bilancio di cui, nonostante le promesse in merito da parte dell’assessore Chisso, non abbiamo ancora visto traccia. Il TPL soffre da anni una diminuzione di risorse e in questa congiuntura economica le aziende si vedono costrette a tagliare corse, servizi e personale e a scaricare i costi sugli utenti. Ma c’è un paradosso: questo avviene mentre cresce la domanda di trasporto da parte di quei cittadini che devono fare i conti con l’aumento della benzina e al mezzo privato preferiscono ormai quello pubblico.

Questo settore non può essere lasciato senza certezze e nella provvisorietà: la mancata programmazione della Regione circa la definizione dei bacini e degli ambiti ottimali, si riversa sugli altri enti e soprattutto sulle aziende che in alcune realtà hanno iniziato un percorso di integrazione e di fusione. È evidente che l’assenza della Regione come ente programmatore o come semplice interlocutore impedisce anche un piano di investimenti da parte degli operatori, con inevitabili ricadute sull’occupazione. Senza le risorse regionali sono inoltre a rischio gli accordi aziendali di secondo livello degli addetti del settore, che rappresentano l’anello debole della catena.

È passata definitivamente l’ora di proclami e propaganda a suon di slogan. Preso atto che per investimenti e programmazione nei trasporti pubblici siamo tra le ultime regioni d’Italia mentre, come attesta una recente classifica, siamo primi per tagli alle corse e aumento dei biglietti, invitiamo la Giunta a fare il proprio lavoro sul tema subito, mantenendo le promesse.

Lascia un commento