Il Blog di Laura Puppato

Mille al giorno

Chiudono le industrie manifatturiere, si contrae l’artigianato, il settore edilizio e l’agricoltura: un conto salato pagato soprattutto dal Nord est

Guardo i dati resi noti oggi da Unioncamere e rabbrividisco: nel 2012 ogni giorno mille imprese hanno chiuso i battenti. Chiudono le industrie manifatturiere, si contrae l’artigianato, il settore edilizio e l’agricoltura. Un conto salato pagato soprattutto dal Nord est, da quel miracoloso tessuto di pmi che aveva fatto nel passato da locomotiva all’economia italiana. E’ la mia gente, il mio vicino di casa, l’amico, l’amico dell’amico. Conosco le loro storie, le loro speranze, la loro sofferenza e anche la loro vergogna di fronte al fallimento. E quando sento i miei colleghi della Lega chiedere un voto per mettere fine a questa agonia mi viene da chiedere “e voi dove eravate fino ad oggi?”.

Quasi dieci anni al governo del Paese e della regione e questo è il risultato. Ora tornano in campo, come se nulla fosse accaduto e ripetono la solita promessa di abbassare le tasse. Bella priorità e bella promessa certo, ma forse bisognerebbe cominciare a occuparsi di tutti quelli ai quali un abbassamento delle tasse non porterebbe alcun beneficio perché, privi di reddito o di lavoro, non hanno proprio nulla da farsi tassare. Quegli otto milioni di cittadini che, come ci svela un’inchiesta di Repubblica, vivono con meno mille euro al mese, con buona pace della patrimoniale. Quegli artigiani che chiudono bottega, quegli imprenditori che falliscono.

Sono loro la nostra priorità è da loro che bisogna ripartire, poi, per le mille imprese al giorno che apriranno, penseremo ad abbassare le tasse.

Tags: , , ,

Un commento

  1. Paolo Brentegani scrive:

    Ho letto sul fatto quotidiano il suo
    “Elezioni 2013, un governo rivoluzionario? Serve un voto intelligente”.

    Ma come la mettiamo con il fatto che il PD ha votato a favore delle nuove spese militari, F35 inclusi?
    Giusto per fare un esempio.

    Scusi la concisione.
    Con stima.

    Paolo Brentegani
    Bovolone (VR)

Lascia un commento