Una giustizia “a misura di bambino”

Laura Puppato, candidata alle primarie del centrosinistra, ritorna sulla triste vicenda di Leonardo, il ragazzino di Cittadella, nel padovano, portato […]

Laura Puppato, candidata alle primarie del centrosinistra, ritorna sulla triste vicenda di Leonardo, il ragazzino di Cittadella, nel padovano, portato via a forza dalla polizia in esecuzione di un ordinanza del Tribunale Minori di Venezia.

“Su questa vicenda, e relativo tema dei diritti dei bambini, si sta concentrando una nutrita serie di denunce e alzate di scudi. Trovo drammatico oltreché assurdo – continua Laura Puppato – che i genitori adulti si comportino in modo tanto deplorevole. Trovo però del tutto inadeguata la risposta di una “giustizia” lontana dai diritti umani, e in particolare dei bambini, sanciti da diversi documenti , come la dichiarazione dei diritti del fanciullo siglata a Ginevra nel 1924 o la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e adolescenza, (Convention on the Rigths of the Child), approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989.

Sto lavorando in queste ore – prosegue Puppato – per la stesura di un appello pubblico da inviare anche al Presidente della Repubblica, per chiedere che il bambino possa tornare a scuola, frequentare liberamente i compagni e, con le dovute cautele, avere comunque accesso alla casa materna”.

12 ottobre 2012

 

Lascia un commento