Nuova legge elettorale in Lombardia: un esempio di parità di genere

Il prossimo 25 ottobre il Consiglio regionale della Lombardia voterà la nuova legge elettorale e, molto probabilmente un minuto dopo, […]

Il prossimo 25 ottobre il Consiglio regionale della Lombardia voterà la nuova legge elettorale e, molto probabilmente un minuto dopo, darà le dimissioni. Si rivoterà quindi per rinnovare il consiglio lombardo, forse a dicembre e, si spera, con una legge rinnovata e innovativa.

“La nuova legge elettorale deve prevedere la doppia preferenza di genere. – A chiederlo sono la vicepresidente del Consiglio regionale Sara Valmaggi e la consigliera Arianna Cavicchioli, entrambe Pd che spiegano – “In Lombardia le donne contano, sono affermate in tutti i settori della vita sociale e produttiva, mentre continuano a essere un’esigua minoranza nelle istituzioni. Non deve più essere così. Domani in seconda commissione comincerà la discussione della nuova legge elettorale, che approderà in aula il 25 ottobre prossimo. Per questo chiediamo con forza che, oltre all’eliminazione del listino, sia introdotta la doppia preferenza di genere, che prevede l’obbligo per gli elettori di indicare comunque un uomo e una donna.”

“Condivido pienamente con le colleghe Valmaggi e Cavicchioli – afferma Laura Puppato candidata alle primarie del centrosinistra – In Veneto quest’anno siamo riusciti a fare una legge buona ma non ottima, in cui vi è una forte penalizzazione che arriva fino alla decadenza per le liste dei partiti che non rispettassero rigorosamente il 50% di candidati donne e uomini. Non si è però ottenuto quella doppia preferenza che certamente ha i requisiti della democraticità del voto e della maggiore opportunità per l’elettorato che intenda sostenere la doppia presenza di genere.

Quindi alla Lombardia diciamo che colga l’occasione per essere la prima regione non solo per il PIL e per densità demografica, ma anche per la qualità della legge elettorale che rappresenti la necessità di un riequilibrio tra uomo e donna.

18 ottobre 2012

Lascia un commento