Non mi piace il PD del Gatto e la Volpe

“Non mi piace il PD del Gatto e la Volpe. Non è il mio PD, quello che mi sta a […]

“Non mi piace il PD del Gatto e la Volpe. Non è il mio PD, quello che mi sta a cuore e per il futuro del quale ho deciso di concorrere alle primarie”. Lo dice con grande chiarezza Laura Puppato, candidata alle primarie del centrosinistra. “Un PD nel quale, a parole, si danno ampie rassicurazioni relativamente alla tutela del diritto alla partecipazione dei candidati e, nei fatti, si pongono continuamente ostacoli alla presentazione di candidature da parte di chi è fuori dal circolo dei soliti noti.

Perché è questo che sta succedendo. Esempi? A tutti noi candidati del PD, per sostenere la nostra candidatura, è stato chiesto di raccogliere 95 firme tra i delegati all’Assemblea Nazionale o, in alternativa, le firme del 3% degli iscritti al PD (18.000 persone). Il tutto in una settimana, senza fornire tempestivamente i riferimenti telefonici e mail dei delegati. Impresa durissima ma ci stiamo riuscendo.

Ma, sabato, è stato deciso che, oltre a quanto sopra, i candidati debbano in soli dieci giorni  (entro il 25 ottobre) raccogliere 20.000 firme di elettori di centrosinistra, riconosciuti non si sa bene come, con il limite di non più di 2.000 a Regione. Come se non bastasse, il metodo di raccolta considerato valido (originale, fax) non è ancora stato deciso. E’ assurdo.

Se dovessimo riuscire anche in questa nuova difficilissima prova, ci dobbiamo aspettare qualche altra nuova regola per (s)favorire la presentazione di fastidiose candidature ?”

 

Lascia un commento