inceneritore

Bene il “NO” all’inceneritore in Val D’Aosta

“Non posso che rallegrarmi del risultato ottenuto dai comitati che si sono opposti alla costruzione di un pirogassificatore in Valle […]

“Non posso che rallegrarmi del risultato ottenuto dai comitati che si sono opposti alla costruzione di un pirogassificatore in Valle d’Aosta. Con il loro voto i cittadini valdostani hanno respinto un impianto impattante che prevedeva l’incenerimento dei rifiuti e scelto la strada virtuosa della raccolta differenziata”.

Questo il primo commento di Laura Puppato, candidata alle primarie del centrosinistra, in merito all’esito del referendum popolare che non solo ha superato il quorum, ma ha visto una maggioranza schiacciante (94%) dire no all’inceneritore e dire sì a un nuovo modo di trattare i rifiuti trasformandoli da problema in risorsa.

“La corsa agli inceneritori – conclude Puppato – deve essere fermata in tutta Italia, perché è dimostrato che la raccolta differenziata intensiva riduce drasticamente il volume dei residui non riciclabili. Ovviamente questo compromette interessi consolidati e spesso illeciti, ma i benefici che ne traggono la comunità e l’ambiente sono enormi e devono prevalere”.

Lascia un commento