Prestazioni specialistiche ambulatoriali: perché i cittadini vengono indirizzati verso Castelfranco?

Montebelluna, 21 ottobre 2011 Nelle ultime settimane sono giunte segnalazioni da parte di numerosi cittadini che, bisognosi di visite specialistiche […]

Montebelluna, 21 ottobre 2011

Nelle ultime settimane sono giunte segnalazioni da parte di numerosi cittadini che, bisognosi di visite specialistiche negli ambulatori di Montebelluna, Asolo, Crespano del Grappa, Pederobba e Valdobbiadene, sono stati “dirottati” verso presso l’Ospedale “San Giacomo” di Castelfranco Veneto. Una situazione anomala e preoccupante che ha spinto i consiglieri comunali Laura Puppato e Franco Aldolfato a presentare una mozione per impegnare il Sindaco e la Giunta di Montebelluna in primo luogo a chiedere al Direttore Generale dell’ULSS n. 8 i dati relativi alla prestazioni specialistiche effettuate nei poliambulatori di Crespano del Grappa, Asolo, Pederobba, Valdobbiadene, Castelfranco e Montebelluna; e poi a sottoporre alla Conferenza dei Sindaci dell’ULSS n. 8 la questione relativa alla preoccupazione dei cittadini in ordine alla “concentrazione” presso l’Ospedale di Castelfranco delle prestazioni specialistiche.

Nella mozione i due consiglieri sottolineano che spesso gli utenti sono cittadini anziani i cui figli, impegnati nel lavoro, non possono farsi carico del trasporto e pertanto sono costretti con notevole disagio ad avvalersi dei mezzi pubblici. Inoltre ricordano l’importanza di mantenere e aumentare le prestazioni specialistiche nei poliambulatori del Montebellunese e della Pedemontana, anche al fine di evitare la migrazione sanitaria verso altre ULSS come quelle di Feltre, Conegliano e  Bassano del Grappa. Una mobilità passiva di utenti che comporta anche una perdita dei fondi destinati all’ULSS n. 8 in favore delle ULSS nelle quali viene effettuata la prestazione sanitaria.

Lascia un commento