Andrea Zanzotto, la voce critica del nostro tempo

È la tristezza che ci accompagna quando se ne va un uomo mite e giusto quella che ho provato alla […]

È la tristezza che ci accompagna quando se ne va un uomo mite e giusto quella che ho provato alla notizia della scomparsa del Poeta. Andrea Zanzotto ha saputo interpretare autenticamente i valori e l’essenza dell’identità veneta. Lo ha fatto descrivendo con grande amore ogni tassello della nostra terra, il suo paesaggio, la sua storia, la sua gente. Zanzotto, uomo che credeva nell’equità sociale e nella libertà vera, resterà sempre un modello dell’esser veneti. Nella democrazia, lui che veniva da una famiglia antifascista e che pagò i rigori del regime. Con lui scompare un grande italiano, una voce critica del nostro tempo, un difensore del paesaggio e della sua bellezza. Pieve di Soligo e il Veneto non perdono solo un illustre cittadino, ma una persona che attraverso la sua opera letteraria ha nobilitato i nostri sentimenti, lasciando in eredità un patrimonio di valori civili ed etici, oltre che culturali.

Lascia un commento