“Zaia ci lascia a piedi”: martedì 13 dicembre i presidi di protesta del Partito Democratico in 8 stazioni della provincia di Treviso

Venezia, 10 dicembre 2011 Gli esponenti locali del Partito Democratico, guidati dal capogruppo regionale Laura Puppato, martedì 13 dicembre dalle […]

Venezia, 10 dicembre 2011

Gli esponenti locali del Partito Democratico, guidati dal capogruppo regionale Laura Puppato, martedì 13 dicembre dalle ore 7.00 alle ore 10.00 presidieranno le stazioni della provincia di Treviso per informare i pendolari sul disastro delle ferrovie e per illustrare le proposte per avere un sistema più efficiente. In particolare i democratici chiedono alla Regione di rinegoziare il contratto con Trenitalia per avere treni nuovi, più puliti e puntuali; di fermare il caro biglietti; di non chiudere le biglietterie come annunciato qualche giorno fa; di introdurre una modalità di bigliettazione semplificata, che faccia risparmiare tempo e denaro a studenti e lavoratori pendolari; di introdurre un biglietto unico autobus+treno per tutto il Veneto. Le stazione presidiate saranno quelle di Castelfranco Veneto, Treviso, Mogliano Veneto, Preganziol, Conegliano Veneto e soprattutto quelle di Cornuda e Vittorio Veneto che vedranno a breve la soppressione delle biglietterie e quella di Montebelluna nella quale il servizio sarà ridotto. Nelle ultime settimane i disagi sono stati enormi per i pendolari, studenti e lavoratori, e con l’entrata in vigore dell’orario invernale le corse saranno ulteriormente diminuite. Significativo in questo senso il caso della linea Venezia-Belluno.

Il sit-in di protesta sarà organizzato anche in altre 16 stazioni del Veneto, con i consiglieri regionali del Pd muniti di volantini e di pettorina gialla come gli ausiliari di Trenitalia. Il Pd in Regione da tempo denuncia l’inerzia di fronte ai tagli governativi e l’assenza di provvedimenti correttivi per ridurre i forti disagi subiti dagli utenti. Nel bilancio 2012 sarà fatto ogni sforzo da parte del Pd per garantire più risorse per il trasporto ferroviario.

Lascia un commento