Lettera aperta ai mass media

Questa lettera aperta ai media, da nomi della società civile, è giunta come tempestiva risposta all’appello rivolto da Laura ai media, perché i cittadini siano informati anche della sua candidatura e delle sue proposte. Ringraziamo gli autori e invitiamo i sostenitori di Laura a unirsi ai firmatari, sottoscrivendo l’apposito form.

LA CANDIDATA DONNA E IL BURQA MEDIATICO
Invitiamo tutti i media nazionali a dare informazione anche su Laura Puppato, candidata donna alle Primarie del Centrosinistra. Molti ancora nemmeno sanno che se entro il 25 ottobre non saranno raccolte 20.000 firme di cittadini in tutta Italia, la sua candidatura non verrà confermata. E una simile raccolta, nell’arco di pochissimi giorni, non può avere luogo senza che i cittadini ne vengano informati.

Ma anche a candidatura confermata una campagna per le primarie non può essere condotta nell’assoluto silenzio mediatico in cui è mantenuta la candidatura di Laura Puppato.

Col burqa a sua insaputa

Tra la corazzata Bersani e l’incrociatore lanciamissili Renzi, la forte candidatura di Laura Puppato rischia di essere affondata senza neanche l’onore delle armi.

Come la Puppato stessa dice bene nel suo comunicato di ieri, l’unica candidata donna alle primarie del centrosinistra in qualunque paese avrebbe richiamato l’interesse dei media (e, aggiungiamo, di tutte le innumerevoli associazioni femminili e femministe); a maggior ragione considerato l’interesse di un programma innovativo, fondato sulle strategie della Blue Economy.

Ma in Italia giornali, radio e Tv, già troppo impegnati dal duello Bersani-Renzi, si sono limitati a racchiuderla nel buio di un burqa mediatico, reso ancora più stretto dall’assordante silenzio di diversi soggetti adusi a invocare le pari opportunità e l’articolo 21 della Costituzione a ogni piè sospinto.

Sorge dunque forte il sospetto che l’essere donna non abbia aiutato la candidata. Tanto più nel caso di una donna che cerchi di rompere gli schemi sfidando la continuità del potere maschile.

Firmiamo dunque questo invito alla stampa, a sostegno suo e di tutte le donne che non devono essere messe ai margini della politica. E aspettiamo che, alle nostre firme, si aggiungano presto quelle degli amici, la cui coscienza ha a cuore il diritto di informazione, che per la strettezza dei tempi non abbiamo potuto contattare.

Firma anche tu.

Primi firmatari

Sabrina Alfonsi, Daniela AmentaNatalia AspesiAlessandra BocchettiStefano BoeriSandra BonsantiDaniela BrancatiClelia CalisseTatiana CampioniSabina CiuffiniLella CostaSerena DandiniCaterina Della TorreNicoletta DenticoAlessandra FaiellaCostanza FirraoFranca FossatiNadia FusiniMariafrancesca Garritano (in arte Mary Garret)Maria GiordanoNathalie GrenonMaurizia Giusti (in arte Syusy Blady)Maurizia IachinoDonatella MartiniEstella MarinoSilvia MauroValeria Maione, Giuliana NuvoliSerena OmodeoChicca OlivettiMaria Sole PantanellaRita PelusioLoretta PeschiLidia RaveraCristina Rodocanachi RoidiCinzia RomanoPaolo RumizAngela SajevaLunetta SavinoMarina SenesiStefania SpanòMarina TerragniLucia VasiniLucia ZabattaLorella Zanardo

Aderisci all’appello e condividi su facebook.

Lettera aperta ai mass media

Firmiamo dunque questo invito alla stampa, a sostegno di Laura Puppatp e di tutte le donne che non devono essere messe ai margini della politica. E aspettiamo che, alle nostre firme, si aggiungano presto quelle degli amici, la cui coscienza ha a cuore il diritto di informazione, che per la strettezza dei tempi non abbiamo potuto contattare.

Attenzione: ricordati di confermare cliccando il link che riceverai per email!

[signature]

1,326 signatures

Condividi con i tuoi amici:

   

[signaturelist id=”1″]